Personal tools
You are here: Home L'Istituzione Presidenza Portavoce Il portavoce informa Accordo sulla variante della SP 5 “Naniglio”
Navigation
 

Accordo sulla variante della SP 5 “Naniglio”

Grazie alla mediazione del Presidente della Provincia Giuseppe Raffa è stato sbloccato il contenzioso tra i comuni di Gioiosa Ionica, San Giovanni di Gerace e Grotteria, in corso da anni, sulla realizzazione del collegamento Strada Grande Comunicazione – SP 5 “Naniglio” – Gioiosa Superiore. Le delegazioni delle tre amministrazioni, guidate dai rispettivi sindaci, hanno preso parte a un vertice convocato da Raffa e svoltosi presso la sede storica dell’Ente di via Foti. La riunione seguiva di alcune settimane il tavolo tecnico voluto dalla stessa Provincia che aveva stabilito “ di convocare un ulteriore incontro per pervenire a determinazioni conclusive sul procedimento”. Il presidente Raffa, assistito dall’ingegnere Domenica Catalfamo ( dirigente del settore Viabilità – Trasporti), dal capo di Gabinetto prefetto Domenico Bagnato e dall’Assessore Mario Candido, ha ascoltato le istanze delle varie delegazioni e grazie al suo contributo le parti hanno firmato un accordo conclusivo che sblocca, finalmente, l’annosa questione.

Alla fine dell’incontro  i sindaci di Gioiosa Ionica Mauro Mazza, Grotteria Vincenzo Loiero e San Giovanni di Gerace Giovanni Pittari hanno sottoscritto  un accordo. In un  documento si legge, tra l’altro, che  durante l’incontro  sono  state “esaminate tutte le possibili alternative compatibili sotto l’aspetto tecnico – finanziario e realizzabili in tempi brevi” e che si è giunti a “una  soluzione  ottimale condivisa nella realizzazione di un by –pass e per il contestuale  ammodernamento e messa in sicurezza della SP 5 – variante “Naniglio”, compresa la costruzione di una rotatoria posta all’incrocio Viale Rimembranze – via Lazio”.  La Provincia si è  impegnata a “destinare le risorse integrative necessarie alla realizzazione dei lavori sulla SP 5, inserendo le opere  nella programmazione 2012”; il Comune di Gioiosa Ionica si è fatto carico del “rilascio dei pareri favorevoli necessari per la realizzazione delle opere”.
Sulla conclusione della vicenda le parti hanno espresso soddisfazione riconoscendo al Presidente Raffa un importante  ruolo  di coordinamento nella gestione del territorio anche di fronte a interessi originariamente  differenti ma convergenti per lo sviluppo socio – economico  dei vari comprensori provinciali. “ Siamo soddisfatti per l’accordo raggiunto grazie alla mediazione del Presidente della Provincia”, ha detto il sindaco di San Giovanni di Gerace, Giovanni Pittari.  “La realizzazione di quest’opera- aggiunge -  consente al mio comune, considerato centro montano, di raggiungere  la Ionio – Tirreno bypassando anche il territorio  di Gioiosa”.
“C’erano ancora  delle questioni politiche da superare e oggi lo abbiamo fatto”, sottolinea  il sindaco di  Grotteria,  Vincenzo Loiero per il quale   l’odierno protocollo d’intesa  apre la strada  sia  alla “realizzazione della variante che serve i comuni di San Giovanni di Gerace e di Grotteria sia l’ammodernamento del  tratto di arteria così come richiesto dall’Amministrazione comunale di Gioiosa. Per noi va benissimo”. E per il sindaco di Gioiosa Ionica Mario Mazza “ finalmente si è trovata la sintesi che vede  d’accordo tutte le parti interessate. Attraverso l’Amministrazione Provinciale – dice -  è possibile realizzare una pianificazione  del territorio funzionale a quello che è l’obiettivo di creare sinergie istituzionali tra Comuni e Provincia”.  Sulla conclusione  della vicenda, ribadisce che l’accordo  “risponde a  esigenze  fortemente sentite dal territorio e  condivise da tutti”.
Non meno soddisfatto il Presidente Raffa che sottolinea come sia “prevalso il grande senso di responsabilità  che i sindaci, ancora una volta, hanno dimostrato nella gestione del territorio, sganciandosi, come spesso accade, dalla logica  di appartenenza al campanile per avviare percorsi virtuosi che vanno al di là degli interessi dei singoli comuni”. L’apprezzamento di Giuseppe Raffa è rivolto anche agli uffici tecnici della provincia e degli altri enti interessati, il cui impegno ha consentito di “abbattere il male storico dei nostri centri interni: lo spopolamento del territorio che in passato, forse  a causa di politiche sbagliate,  sono rimasti fuori dal processo  di un armonioso sviluppo. In quest’ottica –  conclude Raffa -  riteniamo  che gli abitanti di Grotteria e San Giovanni di Gerace, al termine dei lavori, potranno avere  una migliore  capacità di accesso ai luoghi di residenza assieme a nuove opportunità di spostamento: obiettivi  che come Provincia ci siamo posti. L’opera  comporta un ulteriore  sacrificio economico per l’Ente. Ma ne valeva la pena:  averlo fatto  comporterà  notevoli vantaggi per un territorio fino ad oggi dimenticato”.
a.l./

Document Actions