Personal tools
You are here: Home Comunicazione Comunicati stampa Sulla mobilita' della Piana chiesto un incontro a Scopelliti
Navigation

portali tematici

  • Portale gare telematiche
  • Spazio Lavoro
  • Sportello Unico Attività Produttive Provinciale
  • Reggine dei sapori
  • Turismo
  • area dello stretto
  • SPOT 6D
  • pna saline
  • Infea
  • ptcp
 

collegamenti esterni

  • 100 procedure da semplificare
  • Salone dell'Orientamento 2013
  • mafiaNO
  • museo della ndrangheta
  • museo virtuale
  • SviProRe
 

Posta Elettronica Certificata

 
 

Sulla mobilita' della Piana chiesto un incontro a Scopelliti

Demetrio Cara (Presidente Prima Commissione) sul trasporto pubblico locale

Quello affidato al Consigliere Provinciale Demetrio Cara è un compito importante. La prima commissione consiliare permanente da lui presieduta ha deleghe pesanti intimamente connesse con il futuro  sviluppo del territorio quali, appunto, Urbanistica e Pianificazione, Programmazione Opere Pubbliche, Edilizia Scolastica, Bilancio, Rapporti con le Organizzazioni Sindacali e tanto altro ancora. 

Tra le materie di competenza della prima Commissione Consiliare vi  sono pure la Viabilità ed i Trasporti.  A tal proposito, già a fine agosto, la Prima Commissione ha avuto modo di incontrare  i rappresentanti dell'Associazione Città degli Ulivi che riunisce i trentatré Sindaci della Piana di Gioia Tauro per analizzare le problematiche relative alla mobilità nell'area in questione.  

La situazione attuale vede l'intero comparto del trasporto pubblico locale calabrese attraversare un momento di grave crisi a causa della avvenuta contrazione del chilometraggio  assegnato dalla Regione alle aziende operanti in tale settore. 

“Fino ad oggi – dichiara Cara -  i lavori della Commissione hanno evidenziato quanto sia necessario che il percorso di razionalizzazione dei servizi di trasporto pubblico locale parta dalla rilevazione dei fabbisogni in ciascun territorio, e sia mirata a prevenirne e contenerne effetti negativi, proprio sulle aree e sui soggetti più deboli per i quali la riduzione dei servizi fondamentali ha un impatto immediato”.   

“Abbiamo sentito in commissione  anche i rappresentanti  di aziende storiche del settore ,come la ditta Lirosi che in tutti questi anni ha rappresentato un punto fermo per i cittadini della Piana. Sul futuro di aziende come questa c'è oggi molta incertezza. Se non si interverrà  in modo lungimirante, ma al tempo stesso immediato, se la Regione non riuscirà a fare fronte in tempi rapidi almeno al pagamento degli arretrati esistenti, la crisi provocata a causa della riduzione percentuale sul chilometraggio loro assegnato si aggraverà ulteriormente e tali Aziende si vedranno costrette a pesanti tagli di personale”.

“Ovviamente – prosegue Cara -  a pagarne le conseguenze saranno i lavoratori in primis  ma, dal punto di vista collettivo, le cittadinanze dei comuni interessati, soprattutto quelli più piccoli e periferici già a forte rischio di isolamento e quindi di conseguente ulteriore spopolamento.  Al fine di rappresentare tale grave stato di disagio in cui versa la popolazione dell'Area della Piana di Gioia Tauro,  in sintonia con il Presidente Raffa, appunto in relazione  al servizio di trasporto pubblico locale  come Prima Commissione Consiliare, sebbene la Provincia ad oggi non sia ancora in possesso delle deleghe previste dalla L.R. 34/2002 , abbiamo inteso chiedere al Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti un incontro per la disamina congiunta delle problematiche sopra evidenziate al fine di trovare una soluzione più accettabile per i cittadini dell'Area in questione. Dai sopralluoghi che abbiamo effettuato – conclude Demetrio Cara -  sono emerse le effettive difficoltà di transito sia a causa della peculiarità dei luoghi sia per le antiquate strade di collegamento, basti pensare che a causa delle caratteristiche morfologiche della zona della Piana di Gioia Tauro, in alcuni casi, per percorrere semplicemente venti chilometri  si necessità di oltre un ora di viaggio.  I cittadini, bambini, anziani, soggetti svantaggiati in generale,  se non dotati di mezzi propri, sono impossibilitati a percorrere anche le minime distanze e ciò si traduce in un’ipoteca allo sviluppo culturale, economico e sociale del territorio. Non possiamo restare inermi di fronte a questo. 

Document Actions