Personal tools
You are here: Home Comunicazione Comunicati stampa Il Consigliere Provinciale Demetrio Cara (Presidente I Commissione) sul prossimo Bilancio di Previsione
Navigation

portali tematici

  • Portale gare telematiche
  • Spazio Lavoro
  • Sportello Unico Attività Produttive Provinciale
  • Reggine dei sapori
  • Turismo
  • area dello stretto
  • SPOT 6D
  • pna saline
  • Infea
  • ptcp
 

collegamenti esterni

  • 100 procedure da semplificare
  • Salone dell'Orientamento 2013
  • mafiaNO
  • museo della ndrangheta
  • museo virtuale
  • SviProRe
 

Posta Elettronica Certificata

 
 

Il Consigliere Provinciale Demetrio Cara (Presidente I Commissione) sul prossimo Bilancio di Previsione

Il Consigliere Provinciale Demetrio Cara, Presidente della prima Commissione Consiliare Permanente competente in materia di Programmazione Economica dell’Ente, in vista della seduta consiliare prevista in data 29 giugno prossimo che vedrà l’approvazione del documento economico - contabile previsionale a breve completerà il giro di audizioni su questa materia incontrando anche il Presidente Giuseppe Raffa ed il Vicepresidente delegato al Bilancio Giovanni Verduci.

“L’approvazione del Bilancio previsionale rappresenta un appuntamento fondamentale per la vita della Provincia – dichiara il Consigliere Cara – proprio per questo, in modo ritengo responsabile, in qualità di Presidente di Commissione ho inteso dare seguito ad un ciclo di incontri, in particolare attraverso le ripetute audizioni con il dirigente del settore Finanze per conoscere in modo approfondito e analitico, favorendo in Commissione qualunque forma di dialogo tra maggioranza e opposizione laddove se n’è manifestata l’esigenza. Sin da subito non posso che esprimere apprezzamento per la scelta del Presidente Raffa di far sì che il Bilancio Previsionale nascesse da una premiante volontà il più possibile frutto di condivisione. Un metodo che ha visto il Presidente Raffa in ascolto continuo con ogni singolo consigliere provinciale che abbia inteso fornire in tal senso il suo contributo. L’atteggiamento propositivo da parte dei miei colleghi di maggioranza ha, infatti, fatto sì che venissero considerati ed inseriti nel Bilancio di Previsione nuovi elementi che saranno sottoposti alla valutazione dell’Aula. Una fase di ascolto che è andata ben oltre i confini del Palazzo. Chi non ricorda, infatti, i significativi momenti di dialogo che il Presidente Raffa e la maggioranza tutta hanno inteso dare vita ad esempio sulla Locride con S.E. Mons. Fiorini Morosini o con l’Arcivescovo Metropolita Mons. Vittorio Mondello?”. “Come Provincia – prosegue Cara - assistiamo ad una fase di transizione fatta di manovre e provvedimenti adottati dal Governo Monti finalizzati a fronteggiare e superare l’attuale crisi globale in cui si trova anche il nostro Paese. Provvedimenti e manovre che vedono il Bilancio dell’Ente fortemente penalizzato dai notevoli tagli sui trasferimenti di risorse ad opera del Governo nazionale e della Regione Calabria. Pur nelle notevoli ristrettezze economiche cui l’Amministrazione Provinciale guidata dal Presidente Raffa si trova a fare i conti rispetto al passato non si sono persi di vista l’obiettivi fondamentali espressi nelle linee programmatiche di mandato. A tal proposito è stato predisposto un bilancio che non è solo lacrime e sangue come forse si potrebbe pure immaginare in questo tempo di crisi. Sicuramente si tratta di un Bilancio improntato ai criteri di rigore e trasparenza. Due i requisiti fondamentali che contraddistinguono tutte le scelte adottate in tale ambito. Questo Bilancio ancora risponde al vecchio sistema dove ogni assessore prevede di spendere le risorse che si ritrova assegnate al suo settore. Domani con l’ingresso a pieno regime delle previsioni contenute nella riforma sul federalismo fiscale non sarà più così. Nel predisporre un Bilancio di Previsione domani ogni assessore dovrà prima preoccuparsi delle entrate del proprio settore e poi pianificare la spesa in ragione delle stesse. Almeno per oggi ancora non stiamo discutendo di questo tipo di Bilancio di Previsione anche se i tagli ai trasferimenti sono già cosi notevoli anche e non solo per queste ragioni. Certamente – conclude Cara - non ci sono le possibilità di spesa o di investimenti del recente passato. Buona parte degli sprechi di risorse verranno eliminati. A scanso di ogni equivoco gli stipendi dei dipendenti saranno regolarmente garantiti così come i servizi essenziali forniti dalla Provincia. Nelle caratterizzazioni del Bilancio registro con particolare favore la scelta decisa di avviare rigorose procedure atte a garantire un adeguato flusso di cassa sul fronte delle entrate. Entrate che come Amministrazione Provinciale vorranno essere quanto più reali senza rimanere come è successo fino ad oggi delle mere previsioni scritte sulla carta ma mai materializzatisi nelle finanze dell’Ente. Mi spiego meglio. Dal Rendiconto consuntivo risulta che solo il 10% delle entrate previste sono state incassate. In moltissimi casi addirittura non è mai stata avviata alcuna procedura di riscossione pur dovendolo fare. Insomma le entrate sono rimaste nella maggior parte dei casi delle previsioni piuttosto virtuali. Oggi, invece, l’Amministrazione Raffa proprio a partire dall’approvazione di questo Bilancio di Previsione intende avviare una rigorosa ricognizione atta a recuperare ed effettivamente riscuotere le entrate previste. Così facendo, si recupereranno risorse preziose che saranno sicuramente utilizzate per favorire il radicamento di buone prassi di tipo ambientale come la diffusione del servizio di raccolta rifiuti di tipo differenziata a domicilio o la diffusione della esistenza di mercati agricoli ed iniziative per la promozione e valorizzazione dei prodotti tipici e agroalimentari. Ad uno sguardo veloce anche il Piano delle Opere Pubbliche rispecchia questa strada improntata sul rigore e sulla lotta agli sprechi, affinché in prima battuta si possa dare seguito a tutti quei provvedimenti che siano ritenuti più idonei dall’Amministrazione Provinciale per velocizzare il completamento di molti cantieri così da aprire le arterie stradali di competenza provinciali di fatto attualmente chiuse da tempo. Altresì, sul fronte culturale, molta attenzione verrà posta alla valorizzazione dei siti archeologici e del patrimonio rappresentato dai Borghi Storici della nostra Provincia che saranno resi perfettamente fruibili e accessibili a tutti. Tutte iniziative con il duplice effetto di perseguire obiettivi specifici e nello stesso tempo generare un potenziale indotto socio – economico con positive ricadute anche occupazionali sul territorio.
Document Actions